Come impostare e gestire un colloquio di lavoro

Le tecniche utili per scovare nuovi talenti per la tua azienda

Tra i molteplici fattori che contribuiscono al successo dei processi di recruiting e talent acquisition, ci sono senza dubbio l’impostazione e la gestione del colloquio di lavoro da parte dell’azienda: è quello il primo momento di reale contatto e scambio tra i candidati e l’organizzazione, ed è quella l’occasione in cui i potenziali nuovi dipendenti devono essere inquadrati al meglio. Infine, è proprio durante il colloquio che i prospetti riescono a farsi un’idea concreta dell’azienda, del suo approccio e dei suoi valori.

Come gestire il colloquio per assumere nuovo personale

Dopo aver scritto un buon annuncio di lavoro o una buona job description, e aver raccolto i curricula più interessanti, arriva il momento di gestire al meglio un colloquio di lavoro, e per le aziende ciò significa aver sempre chiari tre obiettivi: in prima istanza, trattare tutti i temi importanti per l’organizzazione e per i candidati, così da non lasciare zone grigie ed evitare incertezze che vadano a inficiare la decisione finale; in secondo luogo, capire quanto e come la persona esaminata possa inserirsi nei processi aziendali e quale apporto possa dare grazie alle sue competenze; ultimo obiettivo fondamentale è dare ai potenziali nuovi assunti la possibilità di raccontarsi ed esprimersi al meglio, ma in un perimetro di argomenti e domande predefinite.

Un canovaccio di temi da trattare può essere molto utile a evitare dispersioni, a comparare le persone incontrate e a non tralasciare questioni importanti: hard skill e soft skill vanno approfondite entrambe, così come la motivazione dei candidati e il loro percorso professionale, nonché le loro attitudini.

Raccogli i CV tramite il tuo sito grazie al nostro widget gratuito

Un "lavora con noi" innovativo e intelligente

Prova ora gratis il widget

Cosa chiedere al primo colloquio

Cosa chiedere quindi al primo colloquio, per valutare al meglio un prospect? Sono tre le aree su cui concentrarsi: una di inquadramento, in cui concentrarsi sui motivi e le motivazioni che hanno portato il soggetto a candidarsi, su quali possono essere i suoi punti di forza e quelli deboli; una seconda necessaria a scoprirne il carattere in ambito lavorativo, indagando sul percorso precedente, sulle sfide affrontate e su che tipo di ambiente/stimoli si aspetta di trovare; un’ultima area di interesse deve essere quella sulle sue aspettative nella nuova realtà, così da pensare già a medio termine.

Cosa non chiedere ai candidati

Oltre alle domande da fare, ci sono chiaramente quelle da non fare a un colloquio di lavoro. 

Va assolutamente evitata ogni tematica personale o che tratti aspetti sensibili della vita dei prospetti (salute, famiglia, credo religioso o indirizzo politico, preferenze sessuali ecc.).

Al tempo stesso è opportuno non fare domande troppo generiche (“Ci racconterebbe qualcosa di lei?”) o insistere su temi in cui il contesto potrebbe dettare una risposta difficilmente valutabile (“Cosa conosce della nostra realtà?”).

Un ultimo argomento difficile da discutere al primo colloquio è l’inquadramento economico: non sono i candidati ad dover condividere le aspettative riguardo lo stipendio, ma semmai l’azienda a chiarire l’orizzonte della retribuzione, almeno in un primo momento.

Perché farsi aiutare da una piattaforma innovativa?

Considerate le diverse fasi da gestire per trovare personale qualificato e la mole di lavoro che si nasconde dietro ogni colloquio, tecnologia, esperienza e innovazione possono essere preziosi alleati per i recruiter. Un software di gestione cv può aiutare a fare un buon lavoro di screening cv e scegliere i candidati ideali nel minor tempo possibile, risparmiando dunque sforzi e risorse importanti. 

Un archivio digitale intelligente, in grado di catalogare per tag e affinità i CV ricevuti nel tempo, aggiornandoli automaticamente ogni qual volta i candidati non ancora selezionati apportano modifiche, permette di avere sempre a portata di clic i profili migliori e più in linea alle proprie aspettative. 

Certo, un colloquio in presenza sarà sempre utile, ma poter fare una prima selezione delle persone più adatte darà certamente adito a colloqui più interessanti e proficui, per tutti.

LearK fa esattamente questo, scopri come!

LearK ti aiuta a selezionare i candidati ideali

Scarica la nostra guida sul colloquio perfetto

Scarica gratis

Articoli correlati

22-02-2021

Come trovare personale qualificato

Quando un’azienda ha bisogno di nuove professionalità è difficile fare la scelta giusta, trovare la persona adatta al ruolo e capace di inserirsi al meglio nel contesto.

Scopri di più
27-04-2021

Come selezionare il personale tramite il recruiting online

La pandemia globale ha mutato radicalmente il mondo del lavoro, non solo nelle sue pratiche quotidiane, ma anche nelle modalità attraverso cui le aziende trovano, testano e poi scelgono le nuove persone da inserire in organico.

Scopri di più
17-06-2021

Definizione e caratteristiche della perfetta job description

Troppo spesso, anche nell’ambito delle risorse umane, si fa un uso scorretto di termini che hanno significati e contesti specifici: è il caso della confusione che ancora oggi generano le diciture job description e annuncio di lavoro.

Scopri di più