Come selezionare il personale tramite il recruiting online

Il potenziale del video colloquio di lavoro, ultima imposizione da Covid-19

La pandemia globale ha mutato radicalmente il mondo del lavoro, non solo nelle sue pratiche quotidiane, ma anche nelle modalità attraverso cui le aziende trovano, testano e poi scelgono le nuove persone da inserire in organico.

Se vuoi saperne di più su come gestire al meglio il colloquio, scarica la nostra guida gratuita per recruiter.

Uno dei trend 2020/21 nell’universo dell’HR è infatti il colloquio di lavoro a distanza, attraverso cui molti addetti alle risorse umane cercano di capire le qualità e le peculiarità dei propri interlocutori attraverso uno schermo. Un’impresa non facile.

Cos’è un colloquio conoscitivo e come gestirlo online

La vera eredità del Covid-19 in ambito recruiting è indubbiamente quella del colloquio conoscitivo svolto online. Già utilizzata in passato, questa forma di screening è divenuta ormai una prassi consolidata, con piattaforme quali Microsoft Teams, Google Meet, Skype e Zoom entrate a far parte dell’immaginario degli HR Manager, impegnati anche in pandemia nella ricerca dei candidati perfetti.

Nelle remote interview non si può contare sulla prossemica, che aiuta a comprendere meglio l’attitudine e il carattere dei candidati, che a loro volta non possono affidarsi né alla loro brillantezza né reagire in base al contesto fisico in cui normalmente si inserirebbero.

Come gestire tutto al meglio, dunque?

Lato recruiter, questi sono gli aspetti da non trascurare

  • Favorire una schedulazione su misura
    Così da potersi ritagliare il giusto spazio per eventuali digressioni o approfondimenti, e da permettere ai candidati di esprimersi al meglio.
  • Accendere sempre la webcam
    Così da favorire la trasparenza ma, soprattutto, il coinvolgimento dei candidati, che possono confrontarsi con un contesto definito.
  • Mostrare sempre massima professionalità
    Così che il contesto e l’atteggiamento del recruiter veicolino al meglio i valori aziendali, comunicando ali candidati affidabilità, qualità, attenzione.
  • Preparare domande chiare e sintetiche
    Così da evitare dispersioni che, a distanza, sono difficilmente tollerabili e rischiano di annacquare i contenuti dell’incontro conoscitivo.
  • Pensare a dei test professionalizzanti
    Così da mettere alla prova i candidati nei giorni successivi alla videochiamata, verificando le loro abilità ma anche il loro modo di operare a distanza.

Tante possibilità, una vincente: il video colloquio

I colloqui gestiti a distanza, grazie alle nuove tecnologie, possono essere in diretta o in differita. Nel primo caso, tutto avviene simulando modalità e tecniche di un colloquio in presenza, con gli accorgimenti visti in precedenza, mentre in caso di modalità asincrona i candidati vengono invitati a presentarsi e a rispondere a un questionario di base senza interlocuzione, con le domande inviate via e-mail o poste da un software in grado di registrare il colloquio ‘freddo’. I video vengono poi verificati dagli HR.

Questa seconda forma è più consona a grandi realtà che scrutinano continuamente candidati e hanno bisogno di effettuare una seconda rapida scrematura in ingresso. Il video colloquio online in diretta, invece, è fondamentale per comprendere meglio carattere e forma mentis dei candidati, valutandone anche le soft skills, per quanto mediate da uno schermo.

Tutti i vantaggi del colloquio a distanza

A beneficiare di un video colloquio, se ben organizzato, non sono solo gli HR, ma anche le persone in cerca di lavoro

  • Permettono alle aziende e ai candidati di risparmiare tempo.
  • Aiutano a scegliere i migliori candidati, che non vengono penalizzati dalla logistica.
  • Permettono di raccogliere in modo organico ed efficace i dati necessari.
  • Limitano le discrepanze strutturali tra un colloquio e l’altro.
  • Consentono di mostrare la propria azienda come dinamica, agile e aperta.
  • Permettono di valutare la dimestichezza dei candidati con la tecnologia.
  • Limitano gli stress aggiuntivi per candidati (i possibili ritardi, il rapportarsi con più persone differenti e sconosciute, l’avere a che fare con contesti intimorenti).

Non resta dunque che sfruttare al meglio le potenzialità dei colloquio a distanza via web e (ri)programmare le proprie attività di recruiting, integrando il video colloquio tra le prassi ideali della ricerca di nuovo personale qualificato, anche al termine dell’emergenza Covid-19.

Per gli HR forzatamente tecnologici di oggi, ma soprattutto per scovare in modo sempre più efficace le migliori professionalità sul mercato, grazie alla tecnologia.

Scopri come LearK può aiutarti anche in questo aspetto: registrati gratuitamente.